RUBRICA “FACE 2 FACE”: RICCARDO BERARDINO

Per la rubrica “Face 2 Face” del sito ufficiale paganesecalcio.com questa settimana Riccardo Berardino centrocampista azzurostellato ex Melfi, nato ad Andria il 12 Ottobre del 1990.

Riccardo prima esperienza in Campania, le tue impressioni

«Giocare in Campania è completamente diverso. I tifosi vivono per la propria squadra, c’è una pressione diversa e un calore diverso, ma per un calciatore è positivo tutto questo. A Pagani i tifosi ci seguono e ci sostengono sempre: un impatto positivo con la piazza nonostante il campionato sia difficile»

Le tue caratteristiche tecniche

«Sono un centrocampista offensivo, ho fatto anche il trequartista o la seconda punta. Mister Grassadonia mi impiega nei tre in mezzo al campo e lo faccio tranquillamente. Sto lavorando per migliorare e mettermi al servizio dei compagni: l’importante è giocare ed essere utile alla causa»

Cosa fai quando non ti alleni?

«Sono un ragazzo tranquillo. Esco poco e nel mio tempo libero guardo la tv, film e sto spesso a casa, sono ragazzo “vecchio stampo”. Stacco la spina”

Ti piace viaggiare?

«Sinceramente di viaggi ne ho fatti pochissimi, se dovessi scegliere il prossimo andrei in Thailandia»

Situazione sentimentale?

«Impegnato. Da due anni e mezzo sto con Giulia, sono molto felice con lei. Per il matrimonio c’è ancora tempo però»

Daniele Rosania, nell’intervista della scorsa settimana non conosceva la zeppola. Tu, invece, cosa hai apprezzato della cucina campana?

«La mozzarella, qui è diversa dalle mie parti ed è molto buona. La zeppola, comunque, la conoscevo»

Il gruppo in una squadra è tutto e a prescindere dai risultati siete sempre uniti e compatti

«E’ vero! Ci aiutiamo sempre e tra di noi non c’è invidia, ma solo sana competizione sportiva per una maglia da titolare. Lottiamo, vinciamo e perdiamo tutti insieme. Oltre che a lavorare con uno staff tecnico e medico preparatissimo, siamo molto legati tra noi»

A cura dell’Ufficio Stampa Paganese Calcio 1926 srl

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento